Artedo - Ente Accreditato MIUR ai sensi della Direttiva Ministeriale 90/2003 con decreto prot. AOODPIT.852 del 30/07/2015


Home

30 e 31 marzo 2019 - "LA VOCE DELLA DANZAMOVIMENTOTERAPIA: COMUNICAZIONE - PAROLE, VOCE, VOCALITÀ IN DMT ESPRESSIVA ED EXPRESSION PRIMITIVE"

Condividi

Submit to DeliciousSubmit to DiggSubmit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to StumbleuponSubmit to TechnoratiSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Il 30 e 31 marzo 2019 dalle 9.00 alle 18.00 presso la sede didattica di ARTEDO-BARI, si svolgerà il laboratorio “LA VOCE DELLA DANZAMOVIMENTOTERAPIA: COMUNICAZIONE - PAROLE, VOCE, VOCALITÀ IN DMT ESPRESSIVA ED EXPRESSION PRIMITIVE"

condotto da  Federico  Caporale

Laboratorio aperto a tutti

valido per la formazione degli allievi delle scuole Artedo.

 

Abstract del laboratorio

“Certe cose si possono dire con le parole, altre con i movimenti, ma ci sono momenti in cui si rimane senza parole, completamente perduti e disorientati, non si sa più che cosa fare.                                                      A questo punto comincia la danza” (Pina Bausch)

Nel corso del workshop il conduttore accompagnerà il gruppo in un viaggio dal verbale (parole ascoltate, scritte, pronunciate), giocheremo con il paraverbale (voce, suono, etc) per approdare al preverbale (vocalizzi). Sonorità e canti ci porteranno in una dimensione ora ludica ora spirituale. Visualizzazioni guidate nella dinamica e nel movimento/danza riporteranno infine il gruppo in una dimensione verbale (parole del conduttore) attraverso un’esperienza dinamica funzionale all’uscita dalla dimensione fusionale e transpersonale in favore di quella personale.

Parole che definiscono o che nascondono. Parole che ci raccontano di mondi irreali, fantastici, impossibili. Parole adatte, efficaci, lapidarie, parole d’amore, di dolore. Parole inventate, segrete, parole non dette. Se è vero che il corpo non mente, le parole troppo spesso ci raccontano altro.

Le parole sono ambigue, sono parte del linguaggio e della comunicazione, vivono in simbiosi con il para-verbale e il linguaggio del corpo. Sono poesia, haiku, antichi linguaggi non ancora decifrati. Le parole sono suono, voce, forma, hanno corpo. Sono calligrafia, spazio, architettura, peso. Hanno un flusso, una pulsazione, sono forse vive? Le parole sono movimento? Le parole danzano?

Le parole sono “testimoni” che viaggiano da un corpo all’altro, rese vive e vitali da chi le pronuncia, le ascolta, le legge. Le parole difficilmente ci lasciano indifferenti, piuttosto ci emozionano, ci feriscono, ci scuotono, ci sostengono. Il mondo delle Arti Terapie è ricco di parole, scritte, narrate, recitate, cantate, gridate, sussurrate, danzate, pensate, espresse? Che ruolo hanno dunque le parole in DMT? Sono una risorsa, una chiave di accesso a un livello altro (non verbale, simbolico)? o una ridondante appendice, la risposta al morboso bisogno di “definire” l’indefinibile, di “catalogare” l’inedito, di “interpretare” il sentire?

La parola rappresenta una necessaria e preziosa risorsa nell’ambito della DMT e delle Arti Terapie.

 

FEDERICO CAPORALE

Iscrizione N° S1/2012/DMT/109 del Registro degli Operatori Specializzati in Danzamovimentoterapia dell'Istituto di Arti Terapie e Scienze Creative
Danzamovimentoterapeuta, supervisore in DMT, danzatore e formatore.
Ha una formazione multidisciplinare in arti plastico-pittoriche, arti marziali, danza, percussioni e teatro corporeo. Si forma in Danzamovimentoterapia E-R (Espressivo-Relazionale) a Roma, sotto la guida del Dott. V. Bellia, con validissimi docenti (Pinella Pistorio, Niccolò Cattich, Benoit Lesage e molti altri). Approfondisce la formazione in Expression Primitive (EP) e Cours Type con H. Duplan, F. S. Billmann, J. Dhaese, Cinzia Saccorotti, M. T. Massella, Studia percussioni, danze e canti Africani in Africa, Brasile, Uk e Italia. Si dedica all’insegnamento della danza dal 93 ad oggi Collabora con l’Università di Perugia, con scuole (dall’infanzia ai master universitari), cooperative e varie istituzioni, progettando e attuando percorsi di espressione corporea, danza creativa, danzamovimentoterapia e artiterapie rivolti a studenti, professionisti, diversamente abili e detenuti. Si forma in Pedagogia del Movimento (Roma) nel primo corso di formazione denominato “La danza va a scuola” a cura di Choronde Progetto Eductivo, corso riconosciuto dal MIUR che ha visto coinvolti i migliori Professionisti Italiani ed Europei che si occupano di Danza Educativa, Pedagogia musicale e del movimento, Laban Movement Analysis, Hoorf, Dalcroze, Euritmia, Community dance e molto altro) Ha maturato una grande esperienza in campo formativo, prediligendo sempre i linguaggi dell’arte e della comunicazione non verbale. Da diversi anni collabora con Save the children Italia e Coop EDI (Educazione ai Diritti dell’Infanzia) Romano di nascita, vive a Perugia da venti anni.

 

 

 

 

Sei un insegnante?

Artedo è Ente Accreditato MIUR ai sensi della Direttiva Ministeriale 90/2003 con decreto prot. AOODPIT.852 del 30/07/2015 e successivo adeguamento alla Direttiva 170/2016 e ti permette di usufruire del bonus insegnanti che prevede l'utilizzo della Carta del Docente di 500 € da spendere per scopi culturali e di aggiornamento professionale, per partecipare ad un laboratorio o iscriverti ad un qualsiasi corso di Artiterapia (Lab plus, Lab, Blending, MasterArtedo, Fad).

 

 

Per info e partecipazione 
Referente: Tea Baldini Anastasio
Tel.: 3396366750
E-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

 

Potrebbe interessarti:

CALENDARIO LABORATORI 2019

 

Contatti

Condividi

Submit to DeliciousSubmit to DiggSubmit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to StumbleuponSubmit to TechnoratiSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Contatti Bari

Scuola Artedo Bari
 

Contatti Sede Nazionale

Artedo - Polo Mediterraneo delle Arti Terapie e delle Discipline Olistiche

Viale Oronzo Quarta 24, 73100 Lecce

Sei qui: Home Laboratori 30 e 31 marzo 2019 - "LA VOCE DELLA DANZAMOVIMENTOTERAPIA: COMUNICAZIONE - PAROLE, VOCE, VOCALITÀ IN DMT ESPRESSIVA ED EXPRESSION PRIMITIVE"